Aeroporto Internazionale Katowice - Pyrzowice (Polonia)

Nuove superfici per l'Eco Airport

NATO PER SUPPORTARE LE AZIONI MILITARI DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE È ORA UNO DEGLI SCALI EUROPEI DI MAGGIORE STRATEGICITÀ E MINOR IMPATTO AMBIENTALE

AUTORE
Donatella Bollani
PROGETTISTA
Jerzy Domanski, BudoProjekt
DISTRIBUTORE
Dagma
PIASTRELLE
COEM

E' lunga e travagliata la storia dell'aeroporto di Katowice, l'importante città della zona industriale dell'Alta Slesia, in Polonia, non lontana da Cracovia. Nel 1940, la Luftwaffe tedesca avviò la costruzione di un aeroporto da campo nei prati vicino Pyrzowice. L'aeroporto fu usato per il transito e la spedizione di materiali militari con aerei che partivano dalla parte interna del Reich e aerei che si occupavano degli approvvigionamenti alle truppe sul Fronte Orientale.
Nei primi mesi dell'anno 1950 i sovietici consegnarono l'aeroporto all'esercito polacco e lo scalo su usato per scopi militari sino al 1966, quando il primo volo di una linea aerea polacca raggiunse Varsavia. Dal 1990 i voli si interruppero per l'insufficiente numero di passeggeri e solo nel 1992,
grazie alla volontà e agli sforzi gestionali dell'ente per l'aviazione della Polonia (GLT) fu ripristinato il volo della PLL Lot per il collegamento aereo con Varsavia ed il 27 marzo 1993 la compagnia tedesca Lufthansa effettuò il primo collegamento aereo internazionale con Francoforte. Il traffico aereo cominciò gradualmente ad aumentare e iniiziarono i lavori per lo sviluppo dell'infrastruttura civile dell'aeroporto, all'epoca ancora condiviso con i militari. Ad agosto del 2004 fu conclusa la costruzione del primo terminal passeggeri. La superficie dello scalo è aumentata di quasi 8mila metri quadrati con un incremento di produttività che ha portato ad avere quasi 2 milioni di passeggeri. Nel luglio 2012 è stato inaugurato il nuovo Terminal A che ha visto un ampio lavoro di rifacimento dell'involucro, con una importante facciata vetrata, delle coperture e delle superfici interne. Per i pavimenti della nuova struttura è stato scelto il grés porcellanato della collezione Basaltina di Coem, in formato 60x60 centimetri nel colore Grey. Questa finitura riprende nel gusto l'omonima pietra lavica, di colore grigio, conosciuta e impiegata dall'antichità.
Di struttura compatta e uniforme, questa collezione ha risposto in modo adeguato alla richiesta prestazionale di poter avere una superficie molto resistente alla compressione e all'usura, stante l'elevato numero di passeggeri che transiteranno all'interno del nuovo edificio. La scelta del colore e della dimensione ha aiutato a dare organicità e appeal estetico agli spazi molto ampi del Terminal che vedono alcuni elementi costruttivi, a seconda delle diverse aree funzionali, a scandirne la spazialità e la destinazione: i setti anch'essi rivestiti di lastre di grés porcellanato ma di colore più scuro, le colonne in acciaio microforato e retroilluminato. L'aeroporto di Katowice è in continuo sviluppo, nei prossimi anni è previsto l'ampliamento delle corsie dei posteggi e la costruzione di un terzo terminal per i passeggeri ed una nuova pista di atterraggio.

Piastrelle
Coem, serie Basaltina
Tipologia
grès porcellanato
Formati
60x60 cm
Colori
Grey
Caratteristiche tecniche
Assorbimento d’acqua (ISO 10545-3): 0.06%
Resistenza all’attacco chimico (ISO 10545-13): ULA
Resistenza alle macchie (ISO 10545-14): conforme
Resistenza al gelo (ISO 10545-12): conforme
Resistenza alla flessione (ISO 10545-4): 43 N/mm2
Resistenza alla scivolosità (DIN 51130): Naturale-Strutturato: R9 / Scalpellato: R11

Certificazioni e premi
LEED, EMAS, ISO 14001, NF UPEC


  Richiedi info progetto
  Info azienda
  Galleria Prodotti


Progetti » COEM » Aeroporto Internazionale Katowice - Pyrzowice (Polonia)